Indice dei termini giapponesi



aki : autunno

azumaya : capanna situata nei punti panoramici, costituita da quattro pilastri coperti da un tetto

bakufu : lett.=“governo della tenda”, governo militare dello shogun

biwa : strumento a corda tradizionale giapponese, della famiglia del liuto

bunmei (anno 1486)

byobu : paravento dipinto

chinso : ritratti di maestri e monaci Zen

chuboku : inchiostro medio

daimyo : grandi feudatari

daisuzoku : demondanizzazione  – mu-ge : senza condizionamenti

do : via

doshaku : ritratti di celebri personaggi popolari, buddhisti o taoisti

emaki : rotolo illustrato

enso : cerchio Zen

fukinsei : asimmetria – mu-ho : senza regole

furyu : eleganza, serenità dovuta alla reale percezione delle cose

fuyu : inverno

gaso : monaco-artista

gekokujo : lett.=“l’inferiore sconfigge il superiore”

gokenin : cavalieri fedeli allo shogun

gozan : le “cinque montagne”

gyo : stile calligrafico e pittorico

haboku : tecnica di pittura: inchiostro spezzato

haiku : poesia composta da tre versi di 5,7,5 sillabe

haru : primavera

hatsuboku : tecnica di pittura: inchiostro gettato, spruzzato, schizzato

heikyoku : declamazione di poemi epici con accompagnamento musicale

hitsu-ju : dipingere, ma nel senso di realizzare una cosa sacra, come ad esempio copiare un sutra

ikebana : arte di disporre i fiori

kahei : dodicesimo mese

kakemono : lett.=”cosa da appendere”, rotolo verticale

kami : divinità Shinto

kana : scrittura sillabica giapponese

kanga : stile cinese

kanji :caratteri giapponesi

kanso : sobrietà, essenzialità – mu-zatsu : non complessità

kara-e : pittura cinese

kata : sequenza prestabilita, giusto modo di fare una cosa

ki : soffio vitale, energia che muove il mondo

koan : lett.=“editto pubblico”, metodo di insegnamento dello Zen

koko : austera dignità – mu-i : senza definizione

Kuse mai : recitazione di un testo narrativo cantata, danzata, e ritmata battendo i piedi

makimono : rotolo orizzontale

meisho-e : pitture dei luoghi celebri

mono no aware : sentimento triste delle cose

mosen : panno tipo feltro usato come base su cui appoggiarsi per dipingere

nanbokucho : periodo “delle dinastie del nord e del sud”

natsu : estate

nihon sankei : tre località celebri

noboku : inchiostro grosso

no : teatro drammatico giapponese

renga : poesia collaborativa costituita da versi concatenati che seguono precise regole

sabi : antico, prestigioso

sanshin : lett.=“spirito della montagna”

sansui chokan : rotolo di paesaggio

sansui-ga : pittura di paesaggio

sarugaku : lett.=“spettacolo delle scimmie”, intrattenimento teatrale composto da varie parti

satori : risveglio, illuminazione

seijaku : quiete – mu-do : non sensibilità

sengoku : periodo “degli stati combattenti”

Setsumonteishi scritto di Sesson con istruzioni ai discepoli

shakuhachi : tradizionale flauto giapponese in bambù

shibi : decorazione sui tetti delle case nobiliari, sorta di pesce con coda all’insù

shibui : allappante

shichi fukujin : sette dei della fortuna, divinità secondo lo Shinto

shigajiku : opera d’arte collaborativa, composta da poesia, prosa, pittura, calligrafia

shika : lett.=“addetto ai visitatori”, incarico all’interno di un monastero Zen

shikai : agone poetico

shin : stile calligrafico e pittorico

shinnen : capodanno

shinto : religione autoctona giapponese

shizen : naturalezza – mu-shin : senza cuore né mente, vuoto interiore

shoen : appezzamenti di terreno esentasse, in origine solo per monasteri e funzionari

shogun : lett.=“generalissimo”, autorità politica e militare durante il bakufu

shugo : sovrintendente provinciale

so : stile calligrafico e pittorico

suiboku-ga : pittura ad inchiostro ed acqua

sumi-e : pittura ad inchiostro

suzuri : pietra costituita da una parte concava, dove si versa l’acqua, e da una parte piatta dove viene grattato il bastoncino di sumi per farlo diventare inchiostro liquido

tanboku : inchiostro sottile

tatami : stuoia di paglia di riso grande come una persona sdraiata

tatchu : edifici secondari di un tempio

tenkai-togaro-ki : lett.=”padiglione di pittura creato dal cielo”

tokonoma : lett.=“posto della bellezza”, nicchia di una stanza in cui viene messo un oggetto d’arte

torii : porta dei templi Shinto

tsun : tratto di pennello concavo-convesso

uji : società tribale giapponese delle origini

wabi : semplicità, povertà

waka : pirati giapponesi

waka : forma poetica giapponese antica

yamato-e : pittura giapponese

yugen : oscuro, misterioso – mu-tei : senza fondo, infinito

zazen : lett.=“seduti semplicemente”, meditazione Zen

 

    • "Sorridere è vivere come un'onda o una foglia, accettando la sorte.
      E' morire a una forma e rinascere a un altra."
      (Cesare Pavese)
  • Contatti

  • Categorie

  • Archivio